Ultima fermata prima del domani

Se solo potessi sentire la miseria di una voce
che fatica a farsi strada fra le labbra,
se solo potessi vedere le rovine di un impero,
ora solo tremolanti mura rimaste in piedi.
Silenzi carichi di intenzioni
e mani immobili lungo i fianchi
lontane dalle tue spalle deluse.
Risuona l’ultima chiamata nella stazione,
riparte veloce il treno del tempo,
è tardi per salire nella carrozza del destino.
E non riuscire ad ammaestrare l’anima,
farle imparare l’indifferenza,
non riuscire ad ammansire la rabbia
per troppe parole taciute.
Il presente sfuma nella notte,
il domani verrà alla luce senza curiosità
di vederci dipingere insieme
i colori del mondo.

Tags: ,

Commenti

Lascia un Commento:

Istruzioni: E' permesso l'XHTML standard (a href, strong, em, code). Le interruzioni di linea ed i paragrafi saranno generati in automatico. I commenti inappropiati saranno modificati o cancellati. L'indirizzo email non verrà mai pubblicato.

XHTML: Puoi utilizzare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>

Tutti i campi con "*" sono obbligatori.

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.